linda2

Aspirante giornalista, aspirante scrittrice, aspirante dominatrice del pianeta e aspirante cittadina di un paese in cui tutti vengano trattati alla stessa maniera, ho iniziato a scrivere un nefasto giorno della mia infanzia e da allora non ho più smesso. Femminista un po’ per caso e paladina dei diritti civili per vocazione, ho un sogno del cassetto: arrivare al governo ed istituire il reato di stupidità manifesta. Su Controverso parlerò di tutto ciò che non va nel mondo e nei suoi abitanti, il che ci garantirà argomenti di discussione per i prossimi dieci anni.

Cosa dicono di me

È originaria di uno dei mille paesini lombardi che finiscono in -ate. Unica persona che legge libri nel raggio di cento kilometri, la campagna brianzola inizia a starle stretta all’età di otto mesi. Le sue passioni (tra cui scrivere, i gatti e Phil Collins) la spingono ad allontanarsi ad est, convinta di scoprirci la cultura che tanto cerca, e che non avrebbe mai trovato in patria.
Si stabilisce il più lontano possibile da casa per simulare l’Erasmus e da lì comincia ad elaborare i propri piani di conquista: i suoi tentativi di rendere gatto, cani e fidanzato degli eroi della rete però, falliscono miseramente. Chi condivide con lei le sue passioni la reputa troppo eterosessuale per farcela.
Si dedica quindi alla scrittura ripescando uno spirito tardo-adolescenziale che la spinge a parlare di tutto quello che le passa per la mente, anche quando non sa una cippa sull’argomento. Le sue posizioni sono riassumibili in “ho tantissimi amici gay ma…”, che le permette di scrivere svariati articoli, un po’ come E.L. James che riscrive 50 sfumature dall’ottica di Mr. Grey. In realtà Linda non ha amici, ma ancora non l’ha scoperto.

Potete trovare i suoi articoli qui.